1. Home
  2. Magazine
  3. CUCINA E DINTORNI
  4. Tuerredda - Costa Rei; in moto tra stelle Michelin e curve panoramiche

Tuerredda - Costa Rei; in moto tra stelle Michelin e curve panoramiche

Scritto da
Matteo Morichini
, Il
08/06/2018
Tag 
costa rei
guida michelin
il corsaro stella michelin
sardegna moto
barbara solanas
motocicletta costa rei

Dalla spiaggia di Tuerredda alla memorabile strada SS125 per scoprire la scintillante Costa Rei in motocicletta; uno dei tanti spettacolari percorsi a picco sul Tirreno della Sardegna tra levigate curve panoramiche, acque cristalline, arcaici paesaggi dell’entroterra e soste una stella MICHELIN come Al Corsaro di Cagliari.

Indirizzo dove provare i percorsi dello chef Stefano Deidda, brillante autore di piatti raffinati e riflessivi come lo spaghetto, caglio di capretto e acciughe. Creazioni che unisce con innato equilibrio tradizioni isolane, memorie pastorali, inventiva e sensibilità. Un degno epilogo - o se preferite delizioso intermezzo gourmand – ad una due giorni in sella a ritmi “down tempo” come una Bossanova. Andatura ideale per godersi la dolcezza dell’aria ed i fotogrammi di mare, scogliere, alture e nuraghi avvolti da fichi d’india e macchia mediterranea. Per luminosità e scorci naturali infatti, la Sardegna in moto equivale ad un onirico stato di sospensione dalla realtà. Potere di una bellezza senza tempo che abbraccia in toto lo scenografico e memorabile itinerario che ha indimenticabile incipit negli sgargianti colori di Tuerredda - una delle spiagge più famose e fotografate dell’isola - e passaggi  nel centro storico del capoluogo prima di risalire la Costa Rei. Avvincente e meraviglioso tragitto per mezzi a due ruote in cui la guida MICHELIN consiglia il pesce freschissimo del ristorante Da Barbara a Solanas; eventualmente seguito dal pernottamento nel lussuoso Cala Caterina.

Il giorno successivo si prosegue in direzione Muravera tra rinvigorenti nuotate nelle spiagge di Feraxi, Cala Monte Turno e Cala Piscinnì ed altri memorabili chilometri al manubrio fino alla pausa pranzo da Ecargot: piatto de la guida rossa a Castiadas. A questo punto, per completare il “loop” con la più ampia varietà paesaggistica e stradale possibile il consiglio è di rientrare via Ortacesus immersi in campagna, alture e scorci rurali prima del ghiotto pasto Da Severino il Vecchio. Piccola e meritevole  deviazione lungo la statale adiacente alla via del ritorno che collega Senorbì con Monastir. Proseguendo con la bussola a sud si raggiunge infine la SS195 che lambisce Santa Margherita di Pula e quindi la zona di Chia. Altra splendida collezione di arenili come Cala Cipolla e la spiaggia Su Giudeo con romantiche dune e sabbia sottile tra brezze marine ed acque caraibiche.

Se non sei troppo stanco dopo questo bel giro, la Costa Smeralda ti attende per un po' di vita mondana…

Email