1. Home
  2. Magazine
  3. LA SELEZIONE
  4. Estate tutta italiana con le anticipazioni de la guida MICHELIN 2019!

Estate tutta italiana con le anticipazioni de la guida MICHELIN 2019!

Scritto da
La Redazione
, Il
27/06/2018

Quando il sole, durante il suo moto apparente sulla volta celeste, viene a trovarsi nel punto più alto in assoluto rispetto all'orizzonte – lo zenit – ci troviamo di fronte a quel fenomeno astronomico  che gli scienziati definiscono solstizio d’estate, ma che per la maggior parte della gente rima con giornate più lunghe, relax, spensieratezza  e la voglia di cedere a qualche tentazione, anche di carattere gastronomico.

Ad orientarci nella scelta dell’indirizzo più intrigante, gli ispettori de la guida Michelin ci anticipano alcune delle loro recenti scoperte, locali che andranno ad arricchire le pagine della futura pubblicazione e indirizzi da non bypassare qualora vi trovaste in zona.

Semplice e colorata, informale e conviviale, ma anche un'insospettabile tappa gastronomica che richiama avventori dal lago come da Verona, Locanda Moscal si trova ai margini del grazioso centro storico di Affi.  Tra le mura di una  casa d'epoca, l'atmosfera e la gestione sono piuttosto informali e familiari, senza pretese, per chi vuole mangiare in convivialità e senza fronzoli, non rinunciando tuttavia al piacere di piatti ben fatti e soprattutto preparati con ottimi prodotti.

A pochi metri dal casello di Monte Porzio, al ristorante Barrique by Oliver Glowig il celebre cuoco tedesco dà un'altra prova del suo amore e padronanza della cucina italiana, in una sala contemporanea con allusioni al mondo enologico (il locale si trova, infatti, all'interno dell'azienda vinicola Poggio le Volpi). Se il richiamo delle circostanti bellezze artistiche impone soste più veloci, al piano superiore c'è Epos: piatti tradizionali con ampia scelta di carni di manzo frollate sino a 90 giorni e poi cotte alla griglia.

Nella Citta Eterna, Spazio Niko Romito è il luogo eletto dal celebre chef tristellato che propone  qui la sua cucina in una forma più semplice ed economicamente accessibile rispetto al ristorante di Castel di Sangro, ma con piatti di grande interesse e piacevolezza che puntano ad esaltare l'essenza degli ingredienti. Adiacente al ristorante troverete la versione più spigliata, Pane e Caffè, per consumare durante l'intera giornata piatti veloci in buona parte basati sul pane, una delle eccellenze del cuoco abruzzese.

Se di passaggio per il comune meno abitato della città metropolitana di Palermo, Sclafani Bagni, tra i suoi poco più di 400 abitanti si cela uno chef di grande capacità e intraprendenza, Giuseppe, che ha cambiato pelle alla vecchia trattoria di famiglia trasformandola in raffinato ristorante, Terrazza Costantino. Prelibatezze del territorio in sfiziose reinterpretazioni e due percorsi degustazione - carne o pesce – più una ciliegina sulla torta: l’eccezionale rapporto qualità/prezzo.

E per i vacanzieri o i cittadini che vogliono concedersi una sosta gastronomica, magari en plein air, consultate il sito guida.michelin.it, tra le informazioni c’è anche la specifica “terrazza”.

Email