1. Home
  2. Magazine
  3. LA SELEZIONE
  4. Roma e le stelle nella guida MICHELIN 2018

Roma e le stelle nella guida MICHELIN 2018

Scritto da
Matteo Morichini
, Il
24/11/2017

La guida MICHELIN Italia 2018 assegna la stella a Tordomatto, All’Oro e La Terrazza: tre indirizzi destinati a diventare simbolo dell’alta cucina capitolina.

L’indirizzo più scenografico in termini di lusso e posizione è La Terrazza del recentemente rinnovato Hotel Eden dove all’ultimo piano dell’esclusiva proprietà Dorchester Collection Fabio Ciervo - brillante chef campano con trascorsi da Berasategui e Roux – pareggia l’incanto della vista su Roma con raffinate esecuzioni come l’eccezionale calamarata con coulis di pomodori e acciughe: «La cucina è un messaggio – racconta lo chef di Benevento – e con le mie proposte, spesso prive di regole, provo a trasmettere sapere e conoscenza attraverso innovazione, benessere ed ingredienti di grande qualità». Studio, ambizione e passione sono alla base della filosofia culinaria di Ciervo, definito “chef magistrale” dagli ispettori de la guida rossa che nella selezione 2018 tessono le lodi anche di Adriano Baldassarre attraverso un perentorio “scommessa vinta con piatti audaci e intelligenti”. L’estroso e solare chef del Tordomatto – una stella MICHELIN tra creatività e territorio adiacente ai Musei Vaticani – ha gli occhi brillanti e le idee chiare: «Stiamo asfaltando una via maestra ancora non completamente delineata perché continuare ad esplorare è fondamentale – rivela Adriano prima di puntualizzare che il macchinario moderno a cui non rinuncerebbe mai è «la padella di ferro ed il sorriso del cliente quanto di più importante esista per continuare a progredire professionalmente assieme all’amore e la passione per questo lavoro».

Se la città eterna non ha mai avuto così tante stelle MICHELIN il merito è anche del ristorante All’Oro dal design “moderno-newyorchese” nell’albergo The H’All Tailor Suite: «L’ultimo anno e mezzo è stato particolarmente duro – racconta lo chef Riccardo Di Giacinto riferendosi a burocrazia, cambio di location e difficoltà finanziare – ma quando il cliente si alza da tavola e ti abbraccia è energia allo stato puro: ecco dove trovo benzina e motivazioni per crescere ed evolvermi proponendo sempre la mia idea di cucina che definirei sincera, golosa e tenace» con tradizione e contemporaneità in armonica simbiosi.  

 

Email